Prospective Phase III validation for EndoPredict – Read more

Test prognostici per i pazienti affetti da cancro alla prostata

Prolaris è un test genomico sviluppato per aiutare gli operatori sanitari a prevedere l'aggressività del cancro alla prostata insieme a parametri clinici come il punteggio di Gleason e il PSA.

Prolaris è stato il primo test a offrire una misura diretta della biologia molecolare del cancro alla prostata di un singolo paziente. Misurando i livelli di espressione dei geni coinvolti nella proliferazione delle cellule tumorali, Prolaris è in grado di prevedere con precisione l’aggressività della malattia.

È stato dimostrato che Prolaris è il principale parametro prognostico clinicamente più significativo al momento della diagnosi. Il test fornisce informazioni aggiuntive uniche, combinate con i fattori clinici standard, per fare la previsione più accurata dell’aggressività del cancro alla prostata di un paziente. Prolaris è stato ampiamente validato in diverse coorti di pazienti in contesti di gestione conservativa e di trattamento definitivo.

Test locali e centrali

Prolaris è disponibile come servizio fornito da Myriad Genetics e, prima del trattamento, anche come kit CE-IVD che può essere eseguito nei laboratori di patologia molecolare locali.

Ciò consente al patologo di fornire i risultati entro pochi giorni. Le decisioni sul trattamento possono essere prese senza inutili ritardi per massimizzare i benefici per il paziente.

Prolaris fornisce costantemente la stessa qualità di risultati, indipendentemente dal laboratorio certificato che esegue il test.

Prolaris predice il rischio di progressione della malattia entro dieci anni

Prolaris, eseguito su campioni di biopsia FFPE, determina il rischio individuale a 10 anni di mortalità specifica per cancro alla prostata in caso di gestione conservativa e il rischio di metastasi a 10 anni dopo la terapia definitiva (chirurgia o radioterapia).

Prolaris, su tumori prostatici resecati FFPE (disponibile solo come servizio fornito da Myriad Genetics), determina il rischio di recidiva biochimica entro 10 anni dalla prostatectomia.

Definire una migliore strategia di trattamento

Grazie a due soglie clinicamente validate, il test Prolaris è in grado di identificare gli uomini sicuri per la sorveglianza attiva e quelli che non lo sono. Può anche identificare quali pazienti beneficeranno maggiormente di una terapia monomodale e quali invece necessitano di forme multiple o di una maggiore intensità di trattamento.

Per saperne di più su Prolaris

Sono un medico

Sono un paziente