Test prognostici

I test prognostici possono aiutare medico e paziente a comprendere la biologia del tumore attraverso la misurazione del livello di espressione di alcuni geni.

Il test Prolaris® di Myriad, così come una serie di altri test che Myriad sta sviluppando per il cancro del polmone, della vescica e del rene, si basa su questo criterio. L’obiettivo di questi test prognostici è fornire una previsione più precisa dell’esito della malattia, ottimizzando quindi la terapia e i processi decisionali.

Cancro della prostata:

La gestione ottimale del carcinoma prostatico clinicamente localizzato rappresenta una sfida unica per medici e pazienti, poiché questo cancro è molto variabile e spesso a crescita lenta e non aggressivo. Prolaris è stato sviluppato per aiutare i medici, unitamente ad altri parametri clinici come il punteggio di Gleason e il PSA, a prevedere l’aggressività della malattia. Questo test misura il livello di espressione dei geni implicati nella proliferazione tumorale per predire l’esito della malattia.

Nel trattamento del carcinoma prostatico Prolaris fornisce indicazioni prognostiche al momento della diagnosi e nel contesto post-prostatectomia.

Alla diagnosi, Prolaris può aiutare a individuare i pazienti con malattia meno aggressiva per i quali può essere indicata la sorveglianza attiva e può inoltre individuare i pazienti apparentemente a basso rischio clinico ma con un cancro più aggressivo che necessita di trattamento più robusto.

Il test Prolaris è altresì indicato per l’uso nei pazienti sottoposti a intervento di prostatectomia che presentano caratteristiche di rischio elevato al fine di meglio stimare il loro rischio di recidiva biochimica (BCR) e quindi adattare il livello di monitoraggio o prevedere una terapia aggiuntiva.

Il test fornisce informazioni aggiuntive uniche sulla prognosi di un paziente e può essere usato insieme ad altri fattori clinici per aiutare i professionisti sanitari a formulare raccomandazioni terapeutiche.